Aneto

2.50

L’aneto è una pianta aromatica annuale originaria dell’India, la sua nota delicata e particolare trova diversi impieghi in cucina. Il suo profumo ricorda quello dell’anice e del finocchio.

 

Categoria:
  • g
  • f
  • m
  • a
  • m
  • g
  • l
  • a
  • s
  • o
  • n
  • d

Descrizione

L’aneto (anethum graveolens) è una pianta annuale aromatica appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. È originario dell’India, il suo aroma assomiglia al finocchio e all’anice anche se rispetto a queste ha un sapore più marcato e caratteristico.

Dell’aneto si utilizzano sia i semi essiccati marroni-verdi dalle caratteristiche striature chiare, che le foglie sia fresche che secche. Ha il fusto eretto che raggiunge il metro di altezza e foglie alterne e pinnate di colore verde-blu.

I fiori di colore giallo compaiono in estate disposti in ombrelle.

Queste ombrelle fiorite si raccolgono a settembre, quando a fioritura avanzata, assumono una colorazione brunastra. Quindi si appendono a testa in giù in posizione soleggiata, posizionando sotto di loro un telo in modo che aprendosi rilascino i semi che andranno successivamente essiccati.

Come si coltiva

Predilige terreni molto ben drenati, gli eccessi di acqua e l’acqua stagnante infatti possono portare alla morte delle piante.

Le piante che vivono in un terreno molto asciutto e soleggiato tendono ad avere un aroma più intenso.

Utilizzi

Utilizzi in Fitoterapia

Per quanto riguarda problemi dovuti a nausea, cattiva digestione, flatulenza, meteorismo si utilizzano sia le foglie fresche, da consumare durante il pasto per favorirne la digestione, sia i semi, utilizzati in infusione per preparare un tè aromatico. Il tè di semi di aneto viene utilizzato per favorire il sonno, soprattutto nei bambini, e per favorire la montata lattea nelle puerpere.

Questa pianta ha proprietà digestive, antisettiche, antispasmodiche, diuretiche. Mostra una forte attività antibatterica.

 

Utilizzi in Cucina

L’uso dell’aneto in cucina non è così diffuso in Italia quanto in altri paesi Europei e in Medio Oriente.

In Germania e in Ungheria viene usato per preparare sottaceti agrodolci; in Scandinavia per insaporire salmone, uova, molluschi, patate e zuppe; in Grecia le foglie di aneto accompagnano la feta e i legumi e non è raro trovare pane arricchito con i semi di questa spezia.

In generale l’aneto si abbina bene alle verdure bollite ma anche spadellate, alle carni cotte alla griglia, ai pesci grassi e alle marinate. Ottimo da spolverizzare sulle uova sode.

Con questa spezia si prepara anche un delizioso liquore digestivo e si possono aromatizzare l’olio d’oliva e l’aceto.

L’aneto compariva anche in molte ricette dell’Antica Roma.

Formati disponibili

Vaso 10 cm, altezza totale 20/25 cm

Info