Coriandolo

3.00

Il coriandolo o prezzemolo cinese è una pianta aromatica annuale che ha la capacità di eliminare i metalli pesanti presenti nel corpo. In cucina o lo si ama o lo si odia.

 

Categoria:
  • g
  • f
  • m
  • a
  • m
  • g
  • l
  • a
  • s
  • o
  • n
  • d

Descrizione

Il coriandolo (Coriandrum sativum) o prezzemolo cinese, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Ombrellifere. E’ una pianta originaria del mediterraneo anche se utilizzata prevalentemente in oriente. Ha un fusto eretto, 60 – 70 cm di altezza, e i fiori si presentano bianchi e a forma di ombrello.

La raccolta del coriandolo si effettua recidendo le singole foglie o gli steli alla base della pianta. I frutti si raccolgono maturi in estate – autunno. Le ombrelle vengono recise alle prime ore del mattino quando ancora il coriandolo è umido dalla rugiada. Vanno appese in mazzi, per l’essiccazione, a testa in giù e in luoghi ombreggiati. Una volta essiccati i frutti si staccheranno dai peduncoli di sostegno. I semi si dovrebbero conservare interi poiché la polvere di coriandolo perde le proprietà aromatiche molto facilmente.

Come si coltiva

Il coriandolo è una pianta molto rustica che può essere facilmente coltivata sia in terra ma anche in vaso. Preferisce una posizione soleggiata e gradisce essere innaffiato frequentemente.

 

Utilizzi

Utilizzi in Fitoterapia

Il coriandolo ha la capacità di contribuire ad eliminare i metalli pesanti presenti nel corpo. Viene utilizzato anche sotto forma di infuso contro i dolori di stomaco, aiuta la digestione, ha un’azione antidiarroica e antibatterica. Rimedio perfetto contro gonfiore addominale, aerofagia,meteorismo, difficoltà di stomaco e colon irritabile.

Ottimo anche per combattere l’inappetenza. La tisana è tradizionalmente utilizzata per alleviare il mal di testa.

Ha anche proprietà disintossicanti.

 

Utilizzi in Cucina

È una pianta utilizzata in moltissime cucine nel mondo, soprattutto nella cucina indiana e latino americana.

Si possono utilizzare sia le foglie fresche che i semi essiccati. Le foglie si prestano per i primi piatti come minestroni, zuppe e anche per i secondi piatti. I semi, che hanno un aroma limonato, sono utilizzati per preparare insaccati, sott’aceti o mix di spezie. Se utilizzato sia fresco tritato che in seme polverizzato, dona una gradevole nota aromatica se aggiunto all’hummus di ceci o a delle polpette vegetali di legumi.

I semi macinati, insieme ad altre spezie, vanno a formare il garam masala e il curry, utilizzato soprattutto in India.

Dona una gradevole nota aromatica se aggiunto all’hummus di ceci.

 

Formati disponibili

Vaso 10 cm, altezza totale 20/25 cm

Info