Melissa

3.00

La Melissa è una pianta aromatica e perenne, rilassa senza portare a sonnolenza, contribuisce a ridurre il colesterolo e ad eliminare le tossine.

 

 

Categoria:
  • g
  • f
  • m
  • a
  • m
  • g
  • l
  • a
  • s
  • o
  • n
  • d

Descrizione

La melissa (melissa officinalis) è una pianta perenne, erbacea, aromatica dal portamento cespuglioso con fiori labbiati appartenente alla famiglia della Lamiacee. L’altezza di questa pianta varia dai 30 agli 80 cm. Tutte le parti della pianta, in particolare se strofinate, emanano un gradevole profumo di limone che piace molto anche alle api. La melissa è una pianta spontanea presente in tutta Europa. Cresce nei luoghi freschi e leggermente ombrosi dalla pianura fino ai 1.000-1.500 m slm.

La melissa si raccoglie falciandola molto bassa, a livello del terreno, in quanto gli organi preposti al ricaccio si trovano nella porzione interrata della pianta. Nel primo anno si esegue un solo taglio in fioritura, di solito nella seconda metà di luglio. Negli anni successivi i tagli possono essere 2 o 3.

Le foglie e le sommità fiorite devono essere essiccate all’ombra, subito dopo la raccolta che avviene tra luglio e agosto.

Come si coltiva

La Melissa predilige il terreno profondo e fresco, soffre invece il caldo e l’aridità. È una pianta rustica che non teme il freddo, si può mettere a dimora al sole ma anche a mezz’ombra.

Ha elevate esigenze idriche, preferisce i terreni con una buona capacità di ritenzione idrica ma bisogna stare attenti ai ristagni.

Utilizzi

Utilizzi in Fitoterapia

La melissa è considerata un’erba per il rilassamento vero e proprio che non porta a sonnolenza. Utile per preparare tisane rilassanti in caso di ansia, agitazione e preoccupazioni. La melissa gode inoltre di ottime proprietà antisettiche, antispasmodiche e carminative, utile quindi  in caso di tosse, raffreddore e influenza.

Un aspetto importante dell’assunzione della melissa sotto forma di tisana riguarda la sua capacità di contribuire ad abbassare la febbre e ad eliminare le tossine in eccesso intrappolate nell’organismo.

Riduce il colesterolo e può favorire la secrezione biliare.

È efficace contro il vomito in gravidanza.

La melissa viene consigliata in particolare in caso di ansia, soprattutto quando genera somatizzazioni a livello del sistema gastrointestinale. La melissa infatti agisce come antinfiammatorio e antispastico ed è in grado di alleviare disturbi come nausea, indigestione, crampi addominali ma anche dolori legati al ciclo mestruale.

Inoltre la melissa è utile in caso di mal di testa grazie all’olio essenziale presente nelle sue foglie, che è in grado di calmare e rilassare il sistema nervoso ma anche i muscoli. Infine, l’assunzione dell’infuso di melissa viene consigliata dopo i pasti per aiutare la digestione e ridurre i sintomi della gastrite.

 

Utilizzi in Cucina

Le foglie fresche di melissa possono essere aggiunte alle insalate per godere delle sue molteplici proprietà.

Si possono mettere anche fresche tritate nei dolci per donare una nota delicata di limone ma anche nelle marinature degli ortaggi crudi, in particolare delle carote.

Se si utilizza essiccata, una volta polverizzata può essere aggiunta anche all’impasto del pane.

Formati disponibili

Vaso 10 cm, altezza totale 20/25 cm

Info